Sospensione temporale… con questo semplice concetto potrei riassumere tutto questo periodo di tempo trascorso dall’inizio della pandemia ad oggi.
Il concetto della percezione del tempo sospeso, con un ritmo diverso dal ritmo imposto del “fare”, come esigenza di vita del modello sociale nel quale ci troviamo a vivere ed operare, che ci impone di velocizzare tutti i nostri processi, sia mentali che fisici, al fine di essere utili e “convenienti” al sistema produttivo e industriale di creazione e consumo, che contraddistingue in modo particolare la società contemporanea.

Per quanto riguarda il concetto di sospensione temporale, la pandemia, ad una larga maggioranza delle persone, ha generato reazioni che sono certamente diverse da persona a persona, reazioni dovute alle caratteristiche individuali, sia di ordine psicologico che fisico e cosa molto importante, reazioni determinate, in modo non secondario, dalle necessità e contingenze prettamente di ordine utilitaristico e materiale, contingenze che si ripercuoteranno per un lungo periodo di tempo.
Premesso questo scenario diremo di ordine sociale ed esteriore, a livello individuale questa sospensione temporale come creativo mi è familiare, in quanto da tempo la coltivo quale condizione essenziale del processo creativo, che impone di astrarsi dal contingente per diventare malleabili al fine creativo, motivo per cui ho vissuto e “approfittato” di questo periodo, per creare dello opere di più piccolo formato, più intime ed essenziali.

La ripartenza dal periodo che abbiamo vissuto e stiamo vivendo, la quale si sta gradualmente svolgendo, penso potrebbe portare ad una diversa dimensione del rapporto del vivere, solo in quanto possa aver prodotto dei valori interiori e individuali, che siano un riflesso di quella sospensione temporale, che ha le sue radici nell’essere e non nell’avere.

Roberto Fontanella

SCOPRIRE LE ALTRE STORIE

possibili scenari #keepinart spazio rizzato

POSSIBILI SCENARI #KeepInArt è il progetto virtuale di Spazio Rizzato a cura di Gabriele Cavedon, tratto da un’idea di Alice Traforti. E’ il momento della creatività e con questo spirito nasce una rubrica a puntate settimanali, ideata e creata per raccontare storie di innovazione ed espressione artistica con gli artisti, gli autori e i performer che negli anni sono stati ospiti di Spazio Rizzato, trasformando la delicata situazione attuale in un’occasione di arricchimento culturale. Ogni venerdì un nuovo episodio, raccontato attraverso dei testi scritti dagli artisti e alcune immagini, per sapere come hanno vissuto durante il lock down, scoprire se l’avvento del Coronavirus ha cambiato le loro modalità di approccio al processo creativo e quali desideri e prospettive sognano per la ripartenza del mondo dell’Arte.

#spazioRIZZATO #KeepInArt