Caro Gabriele, partecipo con piacere al progetto POSSIBILI SCENARI #KeepInArt che coinvolge Spazio Rizzato con la complicità di Alice Traforti.
Lo faccio mossa da stima, riconoscenza e apprezzamento per la vostra inesauribile energia e ottimismo che appartengono anche al mio essere, sebbene, son sincera, penso che sia molto più facile affogare nel bicchiere mezzo pieno che in quello mezzo vuoto e le precauzioni del caso, oltre che la realtà dei fatti, non mi consentono di donare un sorriso pieno. Sarebbe falso, sarebbe improprio e sopratutto sarebbe contrario all’autenticità con cui mi relaziono normalmente con il mio pubblico ed è il motivo, questo, per cui fino ad ora non ho proferito parola rispetto a questa cosa strana che è il Coronavirus
:

1) Intanto ho osservato e mi sono fatta un’idea;

2) Parlano in troppi e io ho troppa considerazione di me stessa per gettare la mia opinione nel marasma dei social;

3) Ho approfittato del momento per radicare la solitudine, predisposizione che i ritmi elevati della contemporaneità non mi permettono di riempire, ma solo di vivere con una toccata e fuga.

Mi chiedete come me la sto passando. Bene, ogni giorno è un giorno che passa con la salute che affianca me e i miei cari, mi pare che sia molto; se rivedo il periodo trascorso nel complesso mi pare un bad trip, ho fatto a pugni con me stessa, ho avuto troppo per pensare, scivolando nell’introspezione, quella che imbriglia. Ma non preoccupatevi, amo stare sul ring dell’esistenza e vincere per cui anche se doloroso, è stato esaltante. Ne esco ammaccata, ma sono viva e ogni botta, presa e data, è diventata il capitolo di quello che conto possa essere il mio prossimo libro, un libro sul running che è la mia passione oltre che il mio psicologo. Racconto le complessità e le contraddizioni che abitano l’essere umano e le scarpe da corsa non sono altro che il medium della riflessione, così come lo è la penna nel mio lavoro di critica e curatrice.
Corro in salita, sono abituata a stringere i denti, e non metto nemmeno in discussione di non premere start un’altra volta. Sono certa che sarà un percorso nuovo per l’arte tutta. Auspico uno scenario libero, più limpido, meno obbediente, più disinvolto, meno incline al servilismo e ai compromessi, più sano e vitale, e ancora, lo ripeto, libero perché solo la libertà è grande forza che alleata alla creatività potrebbe sorprenderci.

Alice Zannoni

SCOPRIRE LE ALTRE STORIE

possibili scenari #keepinart spazio rizzato

POSSIBILI SCENARI #KeepInArt è il progetto virtuale di Spazio Rizzato a cura di Gabriele Cavedon, tratto da un’idea di Alice Traforti. E’ il momento della creatività e con questo spirito nasce una rubrica a puntate settimanali, ideata e creata per raccontare storie di innovazione ed espressione artistica con gli artisti, gli autori e i performer che negli anni sono stati ospiti di Spazio Rizzato, trasformando la delicata situazione attuale in un’occasione di arricchimento culturale. Ogni venerdì un nuovo episodio, raccontato attraverso dei testi scritti dagli artisti e alcune immagini, per sapere come hanno vissuto durante il lock down, scoprire se l’avvento del Coronavirus ha cambiato le loro modalità di approccio al processo creativo e quali desideri e prospettive sognano per la ripartenza del mondo dell’Arte.

#spazioRIZZATO #KeepInArt